Gesù Cristo che risuscita

Un giorno, un missionario in Brasile scoprì una tribù di indiani che vivevano isolati in fondo
alla giungla, lontani da qualsiasi civiltà. Una malattia li stava decimando ed avevano bisogno di aiuti medici molto in fretta per poter sopravvivere. L’unica clinica che poteva fornire questo
aiuto urgente si trovava oltre la sponda di un fiume, dal corso d’acqua impetuoso, che gli Indiani
consideravano abitato da spiriti maligni.
Attraversare quel fiume per loro significava suicidarsi! Anche se il missionario provò a più
riprese di convincerli, nessuno fra loro voleva tentare questa esperienza! Persino quando li attirò
vicino a riva e mise la mano in acqua, rimasero diffidenti. Entrò lui stesso nell’acqua, batté le
mani nell’acqua, invano. Come ultima speranza si tuffò nella corrente e nuotò sotto la superficie
dell’acqua per qualche minuto, per riemergere infine diversi metri più lontano, in direzione
dell’altra riva. Fece il pugno sopra la sua testa per provare loro il suo trionfo. Tutta la tribù si
mise a gridare dalla gioia e si lanciò nel fiume.
La buona notizia è che Gesù si è tuffato nel fiume della morte e ne è uscito trionfante
sull’altra sponda!
Erwin Lutzer ha detto: “Non abbiamo bisogno solo di un Salvatore capace di darci una
mano. Abbiamo bisogno di un Salvatore capace di farci risorgere! Non abbiamo bisogno di un
Salvatore pronto solo ad aiutarci quando le ondate della vita ci fanno perdere l’equilibrio, abbiamo bisogno di un Salvatore pronto ad aiutarci quando la vita quaggiù finisce!” Pasqua è qui a dimostrarci che Gesù è proprio «la risurrezione e la vita…» (Giovanni 11:25).
Come ha anche detto un umorista: “Lui ci ha fatto vedere la morte come una povera mezza cartuccia senza forza, travestita da clown!”
Gesù ha forzato letteralmente una porta d’uscita dalla tomba, facendo della strada senza
uscita che era la morte, un’autostrada gloriosa che porta al paradiso!
E siccome «Colui che ha risuscitato Cristo Gesù dai morti vivificherà anche i vostri corpi
mortali» oggi possiamo davvero esclamare “Buona Pasqua”!

Bible 1 an :
Bible 2 ans :

Partager :

Partager sur facebook
Facebook
Partager sur twitter
Twitter
Partager sur linkedin
LinkedIn
Partager sur email
Email