Essere approvati da Dio

Alcuni di noi transitano da compito a mansione, nella speranza di essere riconosciuti come persone capaci di compiere molto, senza peraltro sentirsi appagati e contenti dei risultati, e senza neppure prendere il tempo di apprezzare il proprio valore agli occhi di Dio.
La soddisfazione personale non dipende dall’ennesimo riuscita o da un buon obiettivo da raggiungere.
Paolo scrisse una buona parte del Nuovo Testamento, predicò il vangelo ad un parterre di capi di stato e pose le fondamenta della Chiesa eppure il grido del suo cuore era “conoscere intimamente la persona di Gesù Cristo, il suo Signore”. Finché Dio non ti avrà confermato che ti approva, i complimenti umani non ti riempiranno il cuore. Una volta che il piacere della corsa verso il successo sarà spento, dovrai accettare il fatto che la vita è più di una corsa costante al successo, più di un accumulo di obiettivi da raggiungere.
La sfida da raccogliere è quella di abbandonare la ricerca costante dell’approvazione degli uomini, che diventa una droga vera e propria che ci rovina il sangue, per ricercare piuttosto in Dio l’unica forma di approvazione che conta e che possa riempire il nostro cuore.
Paolo lavorò tutta la vita con un solo scopo: essere approvato da Dio, piacergli in ogni cosa. “Per questo ci sforziamo di essergli graditi…” (2 Corinzi 5:9)
In quanto a te, oggi fatti questa domanda: “Perché sto facendo quello che sto facendo in questo momento? È per piacere a chi?” Le tue risposte ti sveleranno i tuoi veri moventi.
Che cosa ti fa credere che potrai compiere i disegni di Dio per la tua vita senza prenderti il tempo e senza fare sforzi per stabilire una relazione durevole e profonda con Lui? Se il tuo spirito non brucia di un fuoco nuovo e sempre alimentato dallo Spirito Santo, andrai incontro allo sfinimento e alle sconfitte. Un altro successo umano, un’altra corona non ti saranno di nessun aiuto.
Solo Dio può ripristinare quello che i tuoi sforzi hanno tolto. La presenza di Dio non può essere sostituita con null’altro. Nella Sua presenza, anche le corone più belle perdono il loro splendore e gli applausi degli uomini il senso e l’attrattiva.
Rileggi Apocalisse 4:10-11. Lì puoi abbandonare tutto, senza perdere nulla d’importante!

Bible 1 an :
Bible 2 ans :

Partager :

Partager sur facebook
Facebook
Partager sur twitter
Twitter
Partager sur linkedin
LinkedIn
Partager sur email
Email