Sale e luce…

Le persone che criticavano il Cristo avevano ragione di dire:
«Egli sobilla il popolo …!» (Luca 23:5)
Quelli che criticavano gli apostoli avevano ragione di dire: «Questi uomini hanno turbato il mondo intero …» In effetti né Gesù né i Suoi discepoli erano il tipo di persone che si conformano alle abitudini e alle usanze delle folle del loro tempo. Al contrario, erano degli “agitatori”, degli “impedimenti del girare a vuoto”! E tu, assomigli loro?
Gesù ha affermato:
«Voi siete il sale della terra; ma, se il sale diventa insipido, con che lo si salerà? Non è più buono a nulla se non a essere gettato via … Voi siete la luce del mondo. Una città posta sopra un monte non può rimanere nascosta, e non si accende una lampada per metterla sotto un recipiente; anzi la si mette sul candeliere ed essa fa luce a tutti quelli che sono in casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, affinché vedano le vostre buone opere e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli.» La ragione d’essere del sale è aggiungere gusto agli alimenti che si mangiano, o per conservarli, non di rimanere nel suo contenitore. Il motivo d’essere della luce è quello d’illuminare intorno, non solo di essere decorativo o di ornamento. Non cercare scuse come quella di essere timido, di balbettare o di non conoscere abbastanza la tua Bibbia per giustificare la tua mancanza di volontà per testimoniare per Cristo. Queste scuse non sono valide. Sei il solo cristiano che molte persone che ti circondano avranno mai incontrato, infatti la tua responsabilità è pesante se le eviti!
Il missionario Jim Elliot che morì martire per la sua fede, aveva l’abitudine di dire: “Dio fa dei discepoli di fuoco e fiamme. Sono facilmente infiammabile? Signore, liberami dalla tuta d’amianto che potrebbe avvolgermi e impedirmi di bruciare per Te! Impregnami dell’olio del Tuo Spirito perché io possa infiammarmi e bruciare alto e chiaramente! Avvolgimi, fiamma di Dio!”
Oggi, mettiti a pregare allo stesso modo!

Bible 1 an :
Bible 2 ans :

Partager :

Partager sur facebook
Facebook
Partager sur twitter
Twitter
Partager sur linkedin
LinkedIn
Partager sur email
Email