Ti sta sempre cercando!

Lo scrittore Frederick Buechnr ha detto: “In ogni situazione, per banale che sia, si può percepire la presenza di Dio. Sempre che si sia in grado di riconoscerla! Non sei contento di sapere che godere della presenza di Dio non è un privilegio per pochi meritevoli?”
Egli visita quelli che non smettono di gemere e di lamentarsi, gli impazienti o i delusi dalla vita, quelli che dubitano e mancano di sicurezza, in poche parole ogni persona imperfetta come te e me, che è stata salvato solo dalla Sua grazia.
Giacobbe, ad esempio, era ben lontano dal rappresentare un gigante spirituale. In fuga per aver truffato il fratelli e ingannato l’anziano padre, non meritava quello che Dio ha fatto per lui. Dopo essersi fermato per la notte, vide in sogno una scala che arrivava fino al cielo sulla quale gli angeli salivano e scendevano. Dio gli promise allora: «Io sono con te, e ti proteggerò dovunque tu andrai» (Genesi 28:15). Al mattino, quando Giacobbe si svegliò, esclamò: «il SIGNORE è in questo luogo e io non lo sapevo!». Pearl Buck un giorno ha disse: “Noi incontriamo Dio ogni giorno, il problema è che non Lo riconosciamo.” Alcuni fra noi sembrano essere sulla stessa “lunghezza d’onda” e percepiscono la Sua presenza, altri, come Giacobbe, sembrano passare a fianco ogni volta, senza incontrarLo!
William Barry dice: “Sia che ce ne accorgiamo oppure no … passiamo a fianco di Dio ogni momento della nostra vita… e Lui cerca di catturare la nostra attenzione … per farci entrare in una comunione cosciente e reciproca con Lui.” Però non saprai mai il luogo preciso o il momento in cui si manifesterà né in quale forma si rivolgerà a te! Dopo la risurrezione di Gesù, Maria Maddalena lo scambiò per il giardiniere!
 Paolo scrisse: «Risvégliati, o tu che dormi» (Efesini 5:14). Una guarigione miracolosa, relazioni che ripartono su nuove basi, o addirittura una prova particolarmente difficile, tutto è utile per risvegliarti e farti sentire la Sua presenza! Dio si rivelò più tardi a Giacobbe lottando con lui e slogandogli l’anca. Che cosa dovrà fare per attirare la tua attenzione?

Partager :

Partager sur facebook
Facebook
Partager sur twitter
Twitter
Partager sur linkedin
LinkedIn
Partager sur email
Email