Come far muovere le montagne!

Come puoi riuscire a far muovere le montagne che bloccano l’orizzonte della tua vita?
Prima di tutto servendoti della Parola di Dio. Nel deserto, Satana tentò Gesù in tre modi diversi: consigliandogli di dare la precedenza ai Suoi bisogni immediati sui Suoi bisogni spirituali (“Ordina che queste pietre diventino pane”); spingendolo a servirsi della Sua potenza per dei motivi sbagliati (“Gettati dal tetto del tempio”) e incoraggiandolo a scegliere la via più semplice piuttosto di andare alla croce (“Ti darò tutti i regni della terra, se mi ubbidisci”). Ma ogni volta Gesù superò la tentazione di Satana dicendo: «Sta scritto» (Matteo 4:1-11). L’arma più potente che possiedi è sempre la Parola di Dio. Impara ad usarla!
In seguito, dando prova di perseveranza. Geremia affermò che la Parola di Dio assomigliava a «un martello che spezza il sasso» (Geremia 23:29). Non ti sei mai chiesto come un martello può far schizzare una roccia al centesimo colpo mentre i precedenti rimanevano senza effetto? Eppure ogni colpo precedente indeboliva un po’ di più la roccia! Appoggiati sulla Parola di Dio, non smettere mai di adoperarla in ogni circostanza fino al giorno in cui ne vedrai gli effetti!
Infine, perdonando senza stancarti mai. Un giorno un pastore chiese ai suoi parrocchiani se erano pronti a perdonare i loro nemici. Tutti s’impegnarono a farlo tranne un anziano signore. Quando il pastore gli chiese perché rifiutasse di farlo, egli replicò: “Perché non ho più nemici, sono già morti tutti!”
Dopo aver parlato della fede che può trasportare le montagne e della potenza della preghiera, Gesù aggiunse: «Quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate; affinché il Padre vostro, che è nei cieli vi perdoni le vostre colpe.» (Marco 11:25) La tua montagna non si muoverà e le tue preghiere rimarranno senza risposta se rifiuti di perdonare. Anche se pensi che il tuo nemico non meriti il tuo perdono, fallo e vai avanti, hai solo da guadagnarci!

Bible 1 an :
Bible 2 ans :

Partager :

Partager sur facebook
Facebook
Partager sur twitter
Twitter
Partager sur linkedin
LinkedIn
Partager sur email
Email