All’ascolto di Dio (quarta parte)

Quando Dio ci parla, a volte è meglio non precipitarci a parlarne a tutti quanti. Ciò potrebbe fare loro del male! Quando Dio dà un’indicazione della direzione da seguire, questa rivelazione è spesso seguita da un tempo di preparazione. Chi non vorrebbe sbrigarsi a divulgare la straordinaria esperienza appena vissuta, come Paolo un giorno sulla strada che portava a Damasco? Ma forse non è il momento giusto. Non fare nulla finché Dio non ti ha dato il via. Perché?
Perché Dio vuole probabilmente preparare il cuore di coloro che ti ascolteranno quando ti condurrà da loro.
Perché hai bisogno di più preparazione, di maturità, perché la parola che ti è stata assegnata possa radicarsi bene in te e si sviluppi come intende Lui. Paolo ha scritto: «Allora io non mi consigliai con nessun uomo, né salii a Gerusalemme da quelli che erano stati apostoli prima di me, ma me ne andai subito in Arabia; quindi ritornai a Damasco. Poi, dopo tre anni, salii a Gerusalemme per visitare Cefa … Poi andai nelle regioni della Siria e della Cilicia» (Galati 1:16-21)
Paolo aveva avuto la saggezza di comprendere che nessuno avrebbe potuto accettare la veridicità della chiamata di Dio. Nessuno ci avrebbe creduto allora. Così attese, permettendo a Dio di precederlo e di preparare le circostanze in suo favore. E, mentre aspettava pazientemente, lasciò che la parola di Dio si ancorasse in lui e facesse i cambiamenti necessari per il compimento della sua futura missione. Solo in seguito, iniziò il suo lavoro. Non cercò di convincere nessuno. Lo fece Dio per lui. Il risultato? «E per causa mia glorificavano Dio.» (Galati 1:24) Allora, non precipitare lo svolgimento dei piani di Dio per la tua vita. Stai molto attento alla precisione del Suo cronometraggio.

Bible 1 an :
Bible 2 ans :

Partager :

Partager sur facebook
Facebook
Partager sur twitter
Twitter
Partager sur linkedin
LinkedIn
Partager sur email
Email