Assolutamente sicuro che …

Non sei sbalordito all’idea che niente, assolutamente niente può convincere Dio a lasciarti perdere? La maggior parte di noi è abbastanza imbevuta di religione per credere che ci sono certi peccai che Dio non può tollerare, i peccati che commettono gli altri, ma che noi, ovviamente, non commetteremmo mai! Ma abbiamo dimenticato che diffondere maldicenze, dar prova di orgoglio o di intransigenza sono peccati altrettanto distruttivi che qualsiasi altro peccato? Ricordati delle parole del fariseo: «O Dio, ti ringrazio che io non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adulteri; neppure come questo pubblicano.» (Luca 18:11). Non sei mai stato tentato di pregare così? Sii onesto con te stesso! La perfezione è il solo standard accettato da Dio e non hai la benché minima possibilità di riuscire a soddisfare questa esigenza. L’unica nostra speranza è di godere della Sua grazia, di beneficiare del Suo favore non meritato. E il nostro amore per Lui sarà in rapporto diretto col livello di perdono che Egli avrà manifestato nei nostri confronti. (rileggi Luca 7:47)
Paolo ha scritto: «dove il peccato è abbondato, la grazia è sovrabbondata» (Romani 5:20). In altri termini, sei un grandissimo peccatore, ma Gesù è un Salvatore ancora più grande! Anche se Dio non approva sempre il tuo comportamento, Egli non smette per questo di amarti e non ti abbandonerà mai.
Hai già avuto difficoltà a equilibrare i tuoi conti al punto da sentirti disperato? Dal punto di vista spirituale hai bisogno della croce per riequilibrare il tuo conto con Dio! Ascolta: «Dio era in Cristo nel riconciliare con sé il mondo» (2 Corinzi 5:19). Sul Golgota Dio ha saldato il tuo conto una volta per tutte, Egli ha cancellato i debiti dalla tua lavagna. Poi ti ha detto: “Vieni a Me, riconciliamoci l’un con l’altro. Diventiamo amici. Non devi temere nulla, perché niente ti potrà mai separare dal Mio amore!”

Bible 1 an :
Bible 2 ans :

Partager :

Partager sur facebook
Facebook
Partager sur twitter
Twitter
Partager sur linkedin
LinkedIn
Partager sur email
Email